INDIA - Nuova Delhi

Alla scoperta della spiritualità Sikh: Holla Molla il grande raduno

  • Gruppo
  • Tour di gruppo , Festività , Yoga e meditazione
  • 12 giorni / 11 notti
  • Come da Programma

Una volta all'anno, i Sikh si riuniscono per la spettacolare festa di Holla Mohalla, durante la quale  assisterete alle preghiere, le cerimonie sacre e i duellii rituali tra i Nihang ma anche corse di cavalli ed esibizioni di tiro con l'arco.  Dopo la scoperta di Delhi si raggiungono Barsana e Nandgaon  per assistere alle celebrazioni del Lath Mar Holi. Secondo la tradizione, il dio Krishna  fece visita alla sua amata Radha a Barsana, ma la prese in giro offendendola così lei lo cacciò. Per questo durante la festa gli uomini di Nandgaon vanno a pregare nel tempio dove vengono ricoperti di vernici colorate dagli uomini della città e picchiati con bastoni dalle donne.. Dopo la visita di Fatepur Sikri ed Agra si rientra a Delhi e si prosegue per Amritsar, celebre per il Tempio d’Oro, ed Anandpur Sahib, le città sante dei Sikh, per seguire il festival annuale di Holla Mohalla.


Tour di gruppo con accompagnatore italiano

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Dettagli

1 GIORNO. Lunedì 2 marzo, volo per Delhi
Per raggiungere Delhi in India Amitaba utilizza voli Lufthansa, KLM, Etihad, Emirates o altre compagnie scelte dai viaggiatori. Il volo suggerito per questo viaggio, che fa da riferimento per i servizi offerti, è della Etihad con partenza da Milano Malpensa alle 10.00 e arrivo ad Abu Dhabi alle 19.20 o da Roma Fiumicino alle 10.40 e arrivo a Abu Dhabi alle 19.30. Per i collegamenti da altre città o per gli orari di altre compagnie contattare Amitaba.


2 GIORNO 3/3 Delhi
Si riparte da Abu Dhabi alle 2.55 con arrivo a Delhi alle 7.55, dove si viene accolti dal corrispondente locale di Amitaba. Trasferimento all HOTEL . Dopo un breve riposo si iniziano le visite partendo dalla città vecchia recandosi con la storica moschea Jama Masjid e continuando con un giro in rickshaw nell’antico bazar di Chandni Chowk. Si prosegue con la visita del mausoleo di Humayun, l’Indian Gate, gli edifici del parlamento e la casa del presidente.


3 GIORNO 4/3 Delhi – Vrindavan: Lath Mar Holi a Barsana
Si lascia la capitale in direzione sud per Vrindavan, 165 km, un percorso che richiede circa 4 ore. La cittadina, affacciata sul fiume Yamuna, è sacra a Krishna, la veneratissima ottava manifestazione di Vishnu, una meta di pellegrinaggio molto importante dell’India. Secondo la tradizione Egli soggiornò a Vrindavam nel periodo della fanciullezza e per questo vi si trovano centinaia di templi dedicati alla sua figura, a volte associata alla consorte Radha; di questi i più importanti sono il Banke Bihari e l’Iskon. Ci si sistema presso l hotel. Ci si reca nel pomeriggio al villaggio di Barsana (42 km) per la festa di Lath Mar Holi; si ricorda ai partecipanti che nelle giornate di oggi e domani è molto probabile venire sporcati da acque colorate e polveri, ed è quindi opportuno indossare vestiti idonei e, per chi fa delle foto, avere modo di proteggere l’attrezzatura. Oggi è la giornata in cui gli uomini di Nandgaon vengono “attaccati” dalle donne di Barsana, che era il villaggio di Radha, la consorte di Krishna, armate di lunghi bastoni (vedi la descrizione del festival sopra).


4 GIORNO 5/3 Vrindavan: Lath Mar Holi a Nandgaon
Oggi ci si reca a Nandgaon, un villaggio situato poco più a nord di Barsana, che dista da Vrindavan circa 50 km; secondo la tradizione indiana era il villaggio dove Khrisna trascorse la fanciullezza. A ricordo della vicenda mitica, quando Radha con le sue amiche gopi ricambiò l’audacia di Krishna tirandogli addosso acqua colorata, oggi gli uomini di Bersana, con al seguito un certo numero di uomini travestiti che rappresentano le donne di Bersana, si recano qui e vengono accolti con il lancio di acqua colorata e polveri. Il punto focale della festa è il cortile del tempio di Nadgaon, che esplode in una profusione di colori, e la gente dei due villaggi si siede, canta e danza assieme. Si rientra da qui a Vrindavan, avendo del tempo per visitare alcuni dei siti d’interesse di questa regione sacra dell’India.


5 GIORNO 6/3 Vridavan - Agra
Si completano le visite recandosi alla vicina Mathura, che con Vridavan si affaccia sul fiume Yamuna e ne condivide l’aura di santità, ed è una città santa con molti templi ed ashram. Quindi nel pomeriggio ci si reca al tempio di Banke-Bihari a Vrindavan dove oggi si svolge la celebrazione di Phoolonwaliholi, ovvero la celebrazione di Holi utlizzando però il lancio di fiori e non di colori, accompagnato da musiche e danze. Si parte quindi per Agra, situata 76 km più a sud, dove alloggia presso HOTEL.


6 GIORNO 7/3 Agra – Fatehpur Sikri - Delhi
Si fa colazione presto per lascare l’hotel alle 8 e recarsi al Taj Mahal, il mausoleo divenuto simbolo dell’India, con le luci del mattino. Si prosegue quindi per il Forte Rosso, il magnifico palazzo – fortezza degli imperatori Mughal dell’India la cui costruzione venne iniziata dall’imperatore Akbar nel 1565. Ci si sposta quindi a Fatehpur Sikri (36 km), che venne fatta costruire da Akbar per fungere da capitale, ma venne abbandonata per la carenza d’acqua ed è splendidamente conservata. Dopo la visita di prosegue per Delhi, che dista 226 km. Si parte quindi in direzione nord per Delhi, che dista circa 226 km, un viaggio che richiede circa 5 ore; si alloggia presso l’hotel già utilizzato all’arrivo.


7 GIORNO 8/3 Delhi – Amritsar
Si prende il treno per Amritsar, capitale del Punjab a nord ovest di Delhi, che parte alle 7.20 con arrivo alle 13.45 (orari da confermare). A destinazione ci si accomoda presso hotel. Nel pomeriggio verso le 16.00 ci si reca al punto di confine col Pakistan di Wagah (35 km), l’unico passaggio di frontiera aperto tra i due Paesi, per la cerimonia del ritiro della bandiera che si svolge alle 17.00; l’evento è diventato una specie di spettacolo nazionale con i soldati delle due parti che fanno una parata militare, interessante da vedere. Dopo cena verso le 21.00 ci si reca al Tempio d’Oro per assistere alla cerimonia serale del Palkhi Sahib, che si tiene alle 22.15. Ogni sera, dopo una giornata di preghiere e devozioni, viene preparata una portantina (il Palkhi) placcata di oro e d’argento ed adorna di fiori dove viene riposto su cuscini di broccato di seta il testo sacro dei Sikh, il Guru Grant Sahib, per portarlo per la notte dal tempio al trono dell’Akal Takht: il Maestro esce con il testo sacro riposto su di un cuscino sopra al proprio capo e, con grande solennità, lo ripone sui cuscini del Palkhi Sahib e al canto di inni accompagnati dai tamburi viene portato sul trono.


8 GIORNO 9/3 Amritsar – Anandpur Sahib
Si visita con calma il Tempio d’Oro, uno dei luoghi magici dell’India, centro della sacralità per la religione Sikh. Le origini del luogo sono antichissime, in passato il lago che ora è al centro del tempio era immerso nella foresta ed era un luogo di ritiro e meditazione per gli eremiti; pare che lo stesso Buddha giunse fin qui. Il fondatore della religione Sikh, Guru Nanak (1469-1539), visse qui e vi meditò a lungo; dopo la sua morte i discepoli continuarono a frequentare il luogo che in breve divenne il centro della loro religione. Nel tempio costruito sull’acqua della grande vasca è custodito il Guru Grant, il testo religioso dei Sikh, che viene recitato con toni melodiosi che pervadono lo spazio santo, ispirando i presenti ad un’apertura spirituale. Attorno vi sono devoti e pellegrini, un insieme molto bello; chi lo desidera può mangiare qui, il cibo è offerto a tutti i visitatori. Nel pomeriggio si parte per Anandpur Sahib, situata 185 km ad est, un viaggio che richiede quasi 5 ore; si pernotta presso l’hotel White City o Palace Plaza.


9 GIORNO 10/3 Anandpur Sahib
Anandpur Sahib è uno dei centri storicamente più importanti della tradizione Sikh, il cui nome significa “Città della beatitudine”. Fu qui che nel 1699 Guru Gobind Singh fondò l’ordine dei santi guerrieri Sikh, caratterizzato da un’etica cavalleresca protesa all’aiuto dei deboli ed alla difesa dalla tirannia, dove il valore militare è soggetto agli scopi per i quali è nato: ed in effetti la prodezza degli eserciti Sikh è poi divenuta celebre nel mondo. Il grande festival del Holla Mohalla è una celebrazione di questo nobile intento marziale ed oggi anche della storia che ha contribuito a creare. Chi vorrà potrà anche condividere il cibo vegetariano preparato dai volontari Sikh per i pellegrini ed i visitatori, una pratica di assistenza e generosità chiamata ‘Gurdwara’: anche questo fa parte della tradizionale ospitalità di quest’ordine religioso. Si trascorre la giornata seguendo gli eventi (vedi la descrizione del festival sopra) tra la variopinta folla che ci si aspetta essere di circa 100.000 Sikh.


10 GIORNO 11/3 Anandpur Sahib – Chandigarh
Si prosegue con le attività del festival e quindi si lascia Anandpur Sahib per Chandigarh, situata circa 80 km più a sud; qui si alloggia presso hotel. Tempo permettendo si effettua una visita della città, famosa perché fu un esperimento urbanistico progettato da Le Corbusier.


11 GIORNO 12/3 Chandigarh - Delhi e volo di rientro
L’aeroporto internazionale di Delhi dista da qui 261 km, un viaggio di circa 6 ore. Per chi preferisse, da Chandigarh a Delhi vi è anche la possibilità di prendere un volo, nel qual caso di viene accompagnati in aeroporto presto per consentire a chi prosegue in auto di giungere in tempo a destinazione. Il volo di rientro della Etihad parte alle 17.50 per Abu Dhabi con arrivo alle 20.30.


12 giorno. Venerdì 13 marzo, arrivo a destinazione
Si prosegue da Abu Dhabi per Milano Malpensa alle 2.50 con arrivo alle 7.00 o per Roma Fiumicino alle 2.25 con arrivo alle 6.15.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Date e prezzi
Prezzo
02/03/20 / 13/03/20
quota per persona in camera doppia
€ 1700
Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Incluso/Escluso

QUOTE INDIVIDUALI in camera doppia per partenza di gruppo il 15 marzo 2019 


La quota comprende
- Trasporti interni compreso il treno
- Sistemazione negli Hotel menzionati, o se non disponibili altri della stessa categoria, su base camera doppia nelle tipologie indicate
- Assistenza di un Esperto Accompagnatore Italiano per tutta la durata del viaggio al raggiungimento dei 15 partecipanti
- Trattamento come da programma: pensione completa
- Guida locale parlante italiano
- Ingressi ai siti menzionati
- Assicurazione medico/bagaglio


La quota non comprende
- Voli internazinali su richiesta
- Le bevande, le mance, gli extra di carattere personale, eccedenza bagaglio
- Le escursioni facoltative e tutto ciò non evidenziato nella voce “la quota comprende”
- Supplemento singola su richiesta
- Visto Indiia da fare autonomamente on line


Possibilità camera condivisa per single

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!

Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!